Azioni per la riduzione dell'inquinamento marino

L2WP2, 12 novembre 2021.  Disponibili per il download i materiali dello scambio di esperienze realizzato lo scorso 25 ottobre.

Il 25 ottobre si e’svolto lo scambio di esperienze “Le nuove misure della Strategia Marina: azioni per la riduzione dell’inquinamento marino”, realizzato dalla Direzione Generale Mare e Coste del Ministero della Transizione Ecologica (DGMAC del MiTE), nell’ambito del progetto CReIAMO PA – L2WP2.

Obiettivo dell’evento è stato quello di animare il confronto sulle azioni idonee a contrastare l’inquinamento marino causato da eutrofizzazione (Descrittore 5), contaminanti (Descrittore 8) e rifiuti marini (Descrittore 10).

I lavori della giornata sono stati aperti dal dott. Giangreco, funzionario della DGMAC, il quale ha evidenziato il ruolo del MiTE nell’ambito dell’approvazione del nuovo Programma di misure della Strategia Marina. A seguire, Ispra e MiTE hanno illustrato diverse proposte di nuove azioni volte alla riduzione di rifiuti e contaminanti, riguardanti, ad esempio, gli impianti di depurazione per la rimozione di microplastiche, il riciclo dei rifiuti marini, gli impianti di trattamento delle acque reflue a bordo delle imbarcazioni.

Durante la tavola rotonda Amministrazioni, Enti pubblici e Consorzi hanno presentato azioni, buone pratiche e progetti per la raccolta e riciclaggio dei rifiuti. La Regione Basilicata ha presentato un progetto pilota circa azioni volte alla conservazione di habitat e specie tutelati nei siti marini Natura 2000, mediante la mitigazione degli impatti ambientali dovuti alla presenza di contaminanti e rifiuti nelle aree marino-costiere. Successivamente, il Corepla ha presentato alcune azioni per la raccolta di rifiuti, sia lungo i fiumi, mediante barriere galleggianti, sia in mare, mediante il conferimento di rifiuti in cassoni posizionati nei porti.

A seguire, l’Autorità di bacino del fiume Po ha illustrato i risultati del progetto Manta River circa la presenza di microplastiche nel Po. Le Regioni Lazio e Marche hanno presentato le azioni poste in essere dall’Ente utili a fornire un contributo per la proposta di nuove misure della Strategia Marina. Infine, l’area marina protetta di Gaiola, ha posto l’attenzione sulla problematica della dispersione in mare delle calze in polietilene usate in mitilicoltura illustrando i risultati del progetto #arrestalereste.

I numerosi spunti di riflessione forniti nel corso dell’evento sono fondamentali per alimentare il processo in essere verso l’approvazione del nuovo Programma di misure della Strategia Marina.


I materiali dell'incontro sono disponibili nella sezione Documenti

Maggiori informazioni in  Agenda 25 ottobre 2021

Approfondisci  Linea 2 WP2 - Strategia Marina

Calendario

Documenti e toolkit