Facilitare l’introduzione del Green Public Procuremen

L1WP1, 07 ottobre 2020. Disponibili i materiali del workshop realizzato lo scorso 23 settembre con la Regione Liguria.

Facilitare l’introduzione del GPP. Dalla predisposizione dei documenti di gara al controllo in fase di esecuzione del contratto.

Si è concluso con esiti positivi e una larga partecipazione, il workshop a distanza realizzato lo scorso 23 settembre in collaborazione con la Regione Liguria, che ha animato il tavolo digitale intorno al tema dei controlli e delle verifiche per la corretta esecuzione dei capitolati pubblici.

Nel corso della prima sessione dei lavori, introdotta da Paola Carnevale, Settore VIA e Sviluppo Sostenibile del Dipartimento Ambiente della Regione Liguria, è stato ricordato l’impegno pluriennale dell’amministrazione nella definizione di una politica degli acquisti verdi e la sua concretizzazione nell’adozione di un “Piano Triennale Regionale degli Acquisti Verdi”. I lavori sono proseguiti con l’intervento di Alessandra Mascioli, CNR-IIA presso il Ministero dell’Ambiente, che ha fatto il punto sugli indirizzi e gli orientamenti ministeriali, con particolare riferimento all'adeguamento del “Piano per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione”.

Focus centrale dell’iniziativa è stata la presentazione delle “Linee Guida sui metodi di verifica e sui controlli in fase di esecuzione del contratto” (consultabile al seguente link https://bit.ly/36f9BwO), uno strumento di facilitazione per l’integrazione dei CAM all’interno delle procedure pubbliche di acquisto, realizzato nel 2019 da Liguria Ricerche in collaborazione con la Fondazione Ecosistemi. Nadia Galluzzo, per Liguria Ricerche, ne ha illustrato l’articolazione e ricordato l’utilità di disegnare un modello di controllo e monitoraggio delle caratteristiche dei beni e dei servizi acquistati dalla PA, con lo scopo di verificare la reale rispondenza di quanto stabilito dalla documentazione di gara e quanto effettivamente erogato a livello di servizio o utilizzo del bene acquistato.

Molto fruttuosa la sessione di confronto che ne è derivata, durante la quale - con la moderazione di Giorgio Galotti della Fondazione Ecosistemi, sono stati condivisi gli approcci più efficaci realizzati da altri enti del territorio italiano. Hanno partecipato al dibattito Claudia Fiori - Ente Parco Beigua, Pierdanilo Melandro - Regione Marche, Antonello Carai - ERSU Cagliari, Cristiana Bobbio - Regione Friuli-Venezia Giulia, Marta Geranzani - Roma Capitale. Due gli aspetti emersi con maggiore forza dallo scambio di esperienze, quali leve di un reale approccio strategico al GPP: da un lato la necessità di intervenire sull’eccessivo frazionamento delle competenze della PA, sia in termini di interpretazione del Codice degli Appalti e quindi di corretta gestione dei CAM, sia in termini di diffusione geografica, dall’altro la necessità di instaurare un rapporto positivo tra la pubblica amministrazione e il mondo produttivo.

Lo sviluppo di un mercato a ridotto impatto ambientale, generato attraverso la domanda pubblica, può contribuire in modo determinante al raggiungimento degli obiettivi strategici europei in materia di uso efficiente delle risorse e alla valorizzazione di un modello di sviluppo economico circolare.

I materiali dell'iniziativa sono disponibili nella sezione Documenti

Maggiori informazioni in  Agenda 23 settembre 2020

Calendario

Gli eventi di CReIAMO-PA

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
3
4
5
8
10
11
12
17
18
19
22
24
25
28
30
31
Documenti e toolkit

Direzione Generale

MATTM

Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi (DiTEI)

Divisione III - Politiche di coesione e programmazione regionale unitaria

Contatti

REFERENTE PROGETTO
Angelo Presta

TELEFONO
(+39) 06 5722 1

EMAIL
creiamopa-fse@minambiente.it