Workshop: CdF e politiche pubbliche nella programmazione 2021-2027

Linea 6 - WP2
Data: 9 Luglio 2020

Luogo: Videoconferenza

L6 - Rafforzamento della politica integrata delle risorse idriche

WP2 - Contratti di Fiume


A6.7 Formazione

L’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume del Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare organizza il workshop "Contratti di Fiume e politiche pubbliche nella nuova programmazione 2021-2027: prospettive e opportunità” che si svolgerà il 9, 16 e 23 luglio 2020 in modalità a distanza, in ottemperanza alle misure richieste per contenere la diffusione del COVID 19.

Il workshop, partendo dagli esiti della programmazione 2014-2020, intende favorire una analisi delle principali novità offerte dalla nuova programmazione 2021-2027 ed avviare una riflessione sui fondi europei, nazionali e regionali post 2020 e sul riconoscimento e sulla valorizzazione dei Contratti di Fiume in tale ambito, soffermandosi sulle innovazioni nelle forme di finanziamento.

Il workshop si articolerà in tre moduli organizzati in tre giornate e avrà un taglio operativo, alternando momenti formativi con lezioni frontali e lavori di gruppo a momenti che favoriscono il confronto con enti e istituzioni tra le quali la Commissione Europea, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, le Autorità di bacino distrettuali.

Le tre giornate vedranno, infatti, l’alternarsi di rappresentanti politico istituzionali ed esperti del settore al fine di favorire un approfondimento delle tematiche, uno scambio dialogico con tutti i partecipanti, oltre che animare la discussione e il dibattito.

L’evento è a numero chiuso, per partecipare e richiedere informazioni si prega di scrivere a:

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Scarica il programma provvisorio  Workhop tematico

Altre date:

Agenda 16 luglio 2020

 Agenda 23 luglio 2020

I materiali dell'evento sono disponibili nella sezione Documenti

Contratti di Fiume: quali prospettive e quali possibili forme di finanziamento nella nuova programmazione 2021-2027?

Le prospettive dettate dal Green New Deal europeo, il Recovery Fund e le condizioni socio-economiche imposte dalla pandemia Covid-19 stanno prefigurando un aggiornamento degli assetti delle programmazioni finanziarie pubbliche e private: quale può essere il ruolo dei CdF in questo contesto? Quali sono le condizioni necessarie per inserire i Contratti di Fiume (CdF) nell’Accordo di Partenariato? Quale ruolo ci si aspetta dai CdF nell’ambito delle strategie globali per lo sviluppo sostenibile e per l’adattamento ai cambiamenti climatici? E in che modo le programmazioni finanziarie possono guardare a questi strumenti partecipati?

Questi sono alcuni degli interrogativi su cui, dopo i saluti istituzionali di Maddalena Mattei Gentili, Direttore Generale della Direzione Generale della Sicurezza del Suolo e dell’Acqua del MATTM, si è aperto il dibattito e il confronto della terza giornata del workshop “Contratti di Fiume e politiche pubbliche nella nuova programmazione 2021-2027: prospettive e opportunità” organizzato il 9, 16 e 23 luglio dall’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume.

Dopo un primo momento formativo ed un secondo più laboratoriale di lavori di gruppo, il terzo istante del workshop si è configurato come un ricco e proficuo confronto tra partecipanti (Regioni, Autorità di Gestione dei programmi operativi, soggetti gestori di area vasta, quali Aree Protette, GAL, Unioni di Comuni, ecc) e istituzioni quali il Dipartimento per le Politiche di Coesione e il Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Agenzia per la Coesione Territoriale, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, le Autorità di bacino distrettuali.

Dai lavori delle tre giornate emerge che i fiumi e i CdF possono essere definiti come dei veri e propri “prisma” che, in virtù della loro interdisciplinarietà, facilitano il superamento dell’approccio settoriale dei fondi favorendone uno che non guardi solamente a tematiche idriche e/o ambientali ma a contesti più ampi, creando così nuove opportunità di finanziamento. E sono molte le politiche di programmazione che sembrano rafforzare questo aspetto e aprire importanti prospettive per i CdF, dai cinque obiettivi di Policy (OP) della nuova politica di coesione programmazione 2021-2027, in particolare l’OP2 “Europa più verde” e l’OP5 “Europa più vicina ai cittadini”, alla Politica Agricola Comune (PAC) che pone l’accento sul tema della gestione sostenibile delle risorse idriche, dal Green New Deal europeo e dal recente Recovery Fund a tutte le politiche di Sviluppo Sostenibile.

Il dibattito si è focalizzato non solo sulle possibili forme di finanziamento accessibili per i CdF, ma ha posto l’accento anche sulle numerose potenzialità di questi strumenti e sull’importanza di una buona e strutturata governance interna, il cui ruolo principale può essere giocato dalle stesse Autorità di bacino distrettuali, al fine di garantire una sempre maggiore sinergia tra territori e amministrazioni regionali e locali rendendo i CdF sempre più efficaci.

I CdF - si è affermato - sono strumenti ideali per armonizzare l'uso delle acque a scala di bacino, giocano un ruolo molto importante per la qualità ecologica dei corpi idrici e la gestione dei rischi alluvionali, in linea con le pianificazioni distrettuali. In questo contesto rappresentano un importante contributo alle politiche integrate di sviluppo locale e alle strategie nazionali e regionali di sviluppo sostenibile e di adattamento ai cambiamenti climatici.

Tutto questo rende i CdF uno strumento peculiare di governance, che opera a scala ecosistemica, coniugando capitale naturale e capitale sociale, in perfetta linea con le sfide della programmazione 2021-2027. Alle tre giornate sono intervenuti: Meuccio Berselli dell’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po, Andrea Bianchini della Commissione Europea, Andrea Ciaffi della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Oriana Cuccu, del Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Germana Di Falco dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, Teresa Federico Referente della Linea 6 WP2 del Progetto CReIAMO PA, Adriano Ferracuti del Dipartimento Affari Regionali e Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Maria Pagliaro dell'Autorità di bacino distrettuale dell'Appennino Meridionale, Emanuele Perugini, Giornalista Ambientale e Fondatore e Amministratore Unico di 30 Science Communication, Francesco Puma del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume, Gabriela Scanu, Coordinatore del Comitato di Indirizzo dell’Osservatorio Nazionale dei Contratti di Fiume, Luigi Servadei del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Francesco Tufarelli del Dipartimento Affari Regionali e Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

Calendario

Gli eventi di CReIAMO-PA

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
4
5
6
7
8
13
14
15
20
21
22
23
28
29
Documenti e toolkit

Direzione Generale

MATTM

Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi (DiTEI)

Divisione III - Politiche di coesione e programmazione regionale unitaria

Contatti

REFERENTE PROGETTO
Angelo Presta

TELEFONO
(+39) 06 5722 1

EMAIL
creiamopa-fse@minambiente.it