Applicazione dei Criteri Ambientali Minimi (CAM)

Linea 1 - WP1
 Registrazioni chiuse
 
0
Data: 27 Giugno 2019

Luogo: Formazione online

L1 - integrazione dei requisiti ambientali nei processi di acquisto delle PA 

WP1 - Formazione e diffusione del Green Public Procurement


A1.2 - Attività di formazione: webinar

Appalti verdi: concluso il primo dei due webinar dedicati all’applicazione dei CAM in Edilizia.

Regioni, comuni e centrali d’acquisto connesse in rete per migliorare le proprie competenze in vista del recepimento dei CAM per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori in campo edilizio.

Roma, 27 giugno – Concluso il primo dei due appuntamenti dedicati all’applicazione del Criteri Ambientali Minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici, come previsto dal DM 11.10.2017 (GU Serie Generale n. 259 del 6.11.2017), che è stato pensato per fornire uno strumento operativo valido all’effettiva integrazione di questi criteri nelle procedure di acquisto. In particolare sono stati messi a fuoco gli elementi di sovrapposizione tra le disposizioni del Decreto sui CAM in Edilizia e il Codice degli Appalti (D.Lgs. 50/2016), anche alla luce del recente decreto “Sblocca Cantieri “(Legge n. 55/2019), per una corretta interpretazione delle norme.

L’incontro è stato introdotto da Riccardo Rifici, responsabile del settore certificazioni ambientali e acquisti verdi del Ministero dell’Ambiente, che ha richiamato l’attenzione sulla rilevanza e la complessità del settore edilizio per il GPP. Il webinar è stato guidato dall’architetto Dana Vocino, esperta di acquisti verdi e criteri ambientali nel settore dell’edilizia e delle costruzioni, che ha illustrato i contenuti e l’articolazione del CAM e il ruolo centrale rivestito dal Progetto di fattibilità tecnico/economica, indicandone le modalità di redazione, precisando i ruoli e le responsabilità rivestiti dagli altri soggetti (progettisti e appaltatori) che concorrono alla realizzazione di un’opera. Al termine ha fornito alcune preliminari indicazioni circa l’organizzazione della gara, ripercorrendone in tre fasi la procedura e puntualizzandone gli aspetti significativi.

A margine del seminario, la docente ha riservato uno spazio al confronto durante il quale i partecipanti hanno posto quesiti specifici provenienti dalle reali esigenze riscontrate in ambito professionale. Tale possibilità di confronto resta comunque valida attraverso il servizio in differita “l’esperto GPP risponde”, cui si può accedere scrivendo all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Questa prima fase della formazione è propedeutica al secondo appuntamento previsto per il 9 luglio prossimo.

I materiali dell'evento sono disponibili nella sezione Documenti

 

Calendario

Documenti e toolkit